DETTAGLI DIMENTICATI?

La Fondazione e stata istituita da Paola, Santa e Antonio Santarelli nel 2004 in ricordo del padre Dino Santarelli; la denominazione e stata cambiata nel 2008, dopo la scomparsa della moglie Ernesta D'Orazio, in Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli. E' una organizzazione non lucrativa di utilità sociale: nata con la finalita di favorire, sostenere e promuovere la ricerca e la divulgazione della storia dell'arte e la storia di Roma in Italia e all'estero, con particolare riferimento alla scultura lapidea, ai marmi colorati e alla glittica. Promuove mostre, ricerche, seminari e borse di studio per studenti meritevoli e bisognosi. La Fondazione dedica una speciale attenzione alle opere umanitarie e al sostegno all'infanzia.

 

Conserva numerose opere di scultura antica e moderna e una collezione di glittica di quasi 600 cammei, intagli e sigilli, esposta ai Musei Capitolini. Riunisce piu di 1800 esemplari provenienti da tre raccolte di frammenti architettonici e marmi colorati di eta imperiale e tre campionari di marmi. Custodisce e promuove lo studio dell'intera raccolta di sculture di Federico Zeri.

 

 

La Fondazione ha prestato numerose opere per mostre, ritenendo la fruibilita dell'opera d'arte un momento di alta promozione culturale e di condivisione, nel rispetto della conservazione e integrita dell'opera stessa. La Fondazione e stata presente nelle seguenti mostre: I marmi colorati della Roma Imperiale, Roma, Mercati di Traiano (28 settembre 2002-19 gennaio 2003); Maesta di Roma da Napoleone all'Unita d'Italia, Roma, Scuderie del Quirinale (7 marzo-29 giugno 2003); Il male. Esercizi di pittura crudele, Torino, Palazzina di Caccia di Stupinigi (26 febbraio-26 giugno 2005); La lupa e la Sfinge. Roma e l'Egitto dalla storia al mito, Roma, Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo (11 luglio-9 novembre 2008); Exempla, la rinascita dell'antico nell'arte italiana. Da Federico II ad Andrea Pisano, Rimini, Castel Sismondo (20 aprile-7 settembre 2008); I Sabini popolo d'Italia. Dalla storia al mito, Roma, Vittoriano (20 marzo-25 aprile 2009); Glanz der Kentauren, Monaco, Antikensammlungen und Glyptothek (15 giugno-11 ottobre 2009); Le forme del Rinascimento. Donatello, Andrea Bregno, Michelangelo e la scultura a Roma nel Quattrocento, Roma, Palazzo di Venezia (16 giugno 2010-5 settembre 2010); Roma e l'Antico.

Realta e visione nel '700, Roma, Palazzo Sciarra (30 novembre 2010-6 marzo 2011); Il volto dei Potenti, Roma, Musei Capitolini (10 marzo-25 settembre 2011); Festival Poiesis, Fratelli d'Italia, Fabriano, Spedale Santa Maria del Buon Gesu (20-22 maggio 2011); Sculture dalle collezioni Santarelli e Zeri, Roma, Palazzo Sciarra (14 aprile-1° luglio 2012); Gems of the Medici, Santa Ana, Orange County, Los Angeles, Bowers Museum (14 aprile-10 settembre 2013); Mestres do Renascimento. Obras-primas italianas, Brasile, Sao Paulo, Brasilia, Centro Cultural Banco do Brasil (14 luglio 2013-7 gennaio 2014); Cleopatra, Roma, Chiostro del Bramante (12 ottobre 2013-9 febbraio 2014); Verso il 2015. La cultura del vino in Italia, Roma, Complesso del Vittoriano (15 ottobre-17 novembre 2013); Augusto, Roma, Scuderie del Quirinale (17 ottobre 2013-9 febbraio 2014); Antoniazzo Romano Pictor Urbis, Roma, Palazzo Barberini (31 ottobre 2013-2 marzo 2014); Roma 1914, Roma, Mercati di Traiano (5-11 marzo 2014); Le Mythe Cléopâtre, Parigi, Pinacotheque de Paris (10 aprile-7 settembre 2014); Regere populos. Augusto e l'arte del comando, Roma, Museo dell'Ara Pacis (24 aprile-7 settembre 2014); Michelangelo.

Difficolta e voli di un artista universale, Roma, Musei Capitolini (26 maggio-14 settembre 2014); Roma Eterna. 2000 Jahre Skulptur aus den Sammlungen Santarelli und Zeri, Basilea, Antikenmuseum Basel und Sammlung Ludwig (4 giugno 2014-19 gennaio 2015); Siria. Splendore e dramma, Roma, Museo Nazionale del Palazzo di Venezia (19 giugno-31 agosto 2014); L'eta dell'angoscia. Da Commodo a Diocleziano, Roma, Musei Capitolini (28 gennaio-4 ottobre 2015). La Colonna Traiana nei disegni di Vincenzo Camuccini, Roma, Palazzo Valentini (21-27 aprile 2015); Mith of Cleopatra, Singapore, Fort Canning Park (29 maggio-11 ottobre 2015). Roma eterna. Capolavori di scultura classica. La collezione Santarelli, Mendrisio, CH, Museo d’Arte (24 ottobre 2015-31 gennaio 2016); Cleopatra. L’incantesimo d’Egitto, Madrid, Centro de Arte Canal (30 novembre 2015-8 maggio 2016);Sicily: Culture and Conquest, Londra, British Museum (21 aprile-14 agosto 2016).

 

 

La Fondazione ha concesso una importante collezione di glittica - composta da quasi 600 tra cammei, intagli, scarabei e sigilli, che abbraccia cinque millenni di storia - in comodato gratuito ai Musei Capitolini; la musealizzazione dell'intera raccolta e stata inaugurata nel febbraio del 2012 nelle due sale prospicienti il Medagliere capitolino. Nella prima suggestiva sala, mediante un sistema espositivo che evoca una Wunderkammer, sono esposte le gemme secondo l'ordine cronologico; nella seconda vi e un completo apparato didattico, formato da pannelli esplicativi, da strumenti multimediali e filmati illustrativi dei procedimenti tecnici dell'arte della glittica. Inoltre nell'aprile 2012, con la Fondazione Roma Museo, presso Palazzo Sciarra e stata aperta al pubblico la mostra Sculture dalle collezioni Santarelli e Zeri, a cura di A. De Marchi e D. Del Bufalo. La mostra, corredata dal catalogo scientifico, era articolata in tre sezioni, dalla statuaria di grandi dimensioni a quella di misure piu contenute, fino alla sezione dedicata alla ritrattistica. Le quasi novanta opere esposte comprendevano reperti archeologici sino al Settecento, testimoniando del particolare interesse rivolto ai marmi colorati e alla storia di Roma.

 

 

La Fondazione Santarelli promuove pubblicazioni di storia dell'arte, tra queste: ha realizzato il volume coedito con l'Erma di Bretschneider Studi normanni e federiciani (2003), a cura di A. Giuliano; ha cofinanziato la riedizione Antike Porphyrwerke di R. Delbrueck (2007), in collaborazione con il Comitato Nazionale dell'Universita dei Marmorari in occasione del VI centenario dell'Universita; ha contribuito alla pubblicazione del volume L'Aventino dal Rinascimento a oggi (2010), a cura di M. Bevilacqua e D. Gallavotti Cavallero, promosso dall'Istituto Nazionale di Studi Romani e dal Centro di Studi sulla Cultura e l'Immagine di Roma. Nel 2010 sono stati pubblicati i volumi Studi di glittica, con testi di D. Del Bufalo, A. Giuliano, U. Pannuti e L. Pirzio Biroli Stefanelli, e il Catalogo illustrato della glittica nella collezione Santarelli, a cura di D. Del Bufalo; nel 2012 e stato pubblicato il volume La glittica Santarelli ai Musei Capitolini. Intagli, cammei e sigilli, a cura di A. Gallottini, con testi di R. Gennaioli, M. Ramazzotti, L. Sist, M.L. Ubaldelli e P. Vitellozzi. La raccolta di saggi Una dimora nobilitata da Poniatowski, Canova e Thorvaldsen. Villa Lontana, con testi di A. Campitelli, S. Ceccarelli, L. Godart, G.L. Gregori, F. e G. Ortolani, A. Paolucci e D. Rossi, ha visto la luce alla fine del 2013. E inoltre in corso di preparazione il primo volume del catalogo Le sculture antiche della Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli, I, Ritratti e rilievi (2015). a cura di M. Papini.

Nel 2016 è stato pubblicato Le sculture antiche della Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli, I, Ritratti e rilievi (2016), a cura di M. Papini, il primo di sei volumi della collana delle Opere della Fondazione Santarelli. Tale collana proseguirà con i volumi: II - Sculture cd. Ideali, III - Dal Tardoantico al Cinquecento, IV - Dal Seicento all’Ottocento, V - Frammenti architettonici di marmi colorati della Roma imperiale, VI - Campionari di marmi colorati. La Fondazione ha contribuito sempre nel 2016 alla pubblicazione del volume Splendor Marmoris. I colori del marmo tra Roma e l’Europa, da Paolo III a Napoleone III, a cura di G. Extermann e A. Varela Braga.

La Fondazione ha promosso e finanziato numerose borse di studio per studenti meritevoli; si e da poco concluso il "Premio Federico Zeri", di concerto con la Fondazione Federico Zeri di Bologna, assegnato nel 2013 sulla ricerca storico artistica e la persistenza dell'Antico e la rappresentazione della scultura nella pittura di natura morta, presso la fototeca Zeri.

TORNA SU